Vita da ciclista

Otto consigli per andare a scuola in bici in totale sicurezza

Sarah Schwarz
Sarah Schwarz

Andare in bicicletta è divertente, sano e insegna ai bambini ad essere più indipendenti. Con la preparazione giusta, la bicicletta può diventare anche il mezzo di trasporto ideale per la scuola. 


A scuola pedalando? La sfida non è solo per i bambini, ma anche per i genitori, che si trovano spesso, pensierosi, a chiedersi: "Quale sarà il percorso più sicuro e dove saranno i pericoli?", "La bici è abbastanza sicura per affrontare il traffico?", "Come faccio a preparare mio figlio ad andare a scuola in bici?". Abbiamo raccolto una serie di consigli e informazioni importanti per te e per tuo figlio, affinché possa andare a scuola in bici in sicurezza.

Consiglio:

Importante: l'età a partire dalla quale i bambini possono, per legge, andare in bicicletta da soli su strade pubbliche e i requisiti necessari variano da Paese a Paese

In Austria, ad esempio, i bambini possono andare in bicicletta sulla strada o sulla pista ciclabile senza l'accompagnamento di un adulto a partire dai dodici anni (o dai nove se hanno superato l'esame di guida in bicicletta).

Per essere a norma di legge, assicurati di conoscere le normative vigenti nel tuo Paese prima di lasciare andare tuo figlio a scuola da solo.

1. Qual è il percorso migliore?

Decidere se mandare tuo figlio a scuola in bicicletta dipende soprattutto dal tipo di strada che dovrà percorrere e dalle condizioni del luogo

Una cosa importante: la strada più breve non è necessariamente  la più sicura. Le strade molto trafficate e le pendenze possono essere un po' troppo per tuo figlio all'inizio. Ti consigliamo di scegliere un percorso con poco traffico, pochi incroci, pochi ingressi delle strade e pochi attraversamenti. Meglio allungare un po' il percorso, ma renderlo  più sicuro e tranquillo. Ad un incrocio o attraversamento difficile e molto trafficato, la regola è: scendere dalla bici e spingerla attraversando sulle strisce pedonali.

Consiglio:

Un consiglio: molti comuni e scuole adottano delle misure per rendere più sicuro il percorso verso la scuola. Fra queste ci sono le mappe dei percorsi casa-scuola, nelle quali sono indicati tutti i punti di riferimento intorno agli edifici scolastici, le strade sicure e le possibili situazioni di rischio.

- Italia: BiciPlan
- Bergamo: Percorsi casa-scuola Bergamo
- Svizzera: Scuola+Bici, Percorso-casa-scuola
- Austria: Andare a scuola

 2.  I genitori "taxi" e i dintorni della scuola 

L'ambiente intorno alla scuola è molto importante per la sicurezza dei bambini. I genitori hanno la possibilità di chiedere alla scuola o al comune di adottare misure per aumentare la sicurezza del percorso casa-scuola in bicicletta (o a piedi).  Un esempio sono le zone con poco traffico davanti o intorno alla scuola, che rendono gli spostamenti dei bambini molto più sicuri. Ma tutti possiamo dare il nostro contributo per rendere più sicuro il percorso casa-scuola: per esempio aumentando il numero di bambini che vanno a scuola a piedi, in bici o col monopattino e diminuendo il numero di auto nei dintorni della scuola. "Purtroppo, molti genitori portano i figli a scuola con la macchina e l'ultimo pezzo di strada è spesso il più pericoloso", afferma l'esperto del traffico Werner Palfinger della federazione degli amici della bicicletta Radlobby Klosterneuburg (Austria). "I genitori devono rendersi conto che, usando la macchina, mettono a rischio l'incolumità dei bambini, invece di proteggerli".


3. Controllo di sicurezza: come mantenere la bici in buone condizioni!

Anche per il tragitto casa-scuola vale la stessa regola delle escursioni in bici: la bicicletta deve essere in ottime condizioni.  In questo video-tutorial, il nostro tecnico Tim ti mostra come pulire e prenderti cura al meglio delle vostre biciclette.

Per la sicurezza di tuo figlio, è importante eseguire controlli della bici con una certa regolarità e farla anche revisionare spesso da un esperto. Così puoi scoprire facilmente se la bicicletta è sicura e se tutti i suoi componenti funzionano correttamente:

Nota bene: Viti – Freni – Pressione delle gomme

1.) Assicurati che tutte le viti per il fissaggio e i morsetti siano abbastanza stretti. Alcune viti importanti sono quelle sull'attacco del manubrio, sulle ruote e sulla sella. 

2.) Controlla che i freni della ruota anteriore e posteriore funzionino correttamente e non sfreghino. Per farlo, basta tirare un paio di volte la leva del freno facendo girare la ruota corrispondente e assicurandosi che i freni abbiano una buona azione e che la frenata non sia ritardata.

3.) Controlla che le gomme e le ruote non presentino segni di danni. E, se necessario, gonfia le gomme.Top tip: We recommend getting your child involved in the safety checks on their bike. If you let them have a go, they will learn by doing and become familiar with the components they need to keep an eye on.

Un consiglio: esegui il bike check insieme a tuo figlio . Se il bambino ha la possibilità di eseguire delle manovre da solo, sarà più facile per lui imparare a quali componenti della bici fare particolarmente attenzione.

 Qui trovate una guida del check-up della bici passo per passo: il bike check in 5 mosse.

4. Imparare il tragitto casa-scuola e il comportamento da tenere

Per andare a scuola in bici, è necessario che tuo figlio conosca e rispetti i segnali stradali più importanti, come lo stop e quello che obbliga a dare la precedenza. Spiegagli che cosa significano! È opportuno iniziare a preparare il bambino  il prima possibile  alle sfide che si ritroverà ad affrontare nel traffico cittadino e fargli fare esperienza prima di lasciarlo andare da solo. Tuo figlio deve imparare a riconoscere i potenziali rischi – uscite delle strade poco visibili, portiere delle macchine che si aprono e il bordo del marciapiede – e sapere come comportarsi. Scopri quali sono i potenziali rischi e come viene percepito il traffico dal punto di vista di un bambino in quest'articolo.

Percorri più volte il percorso casa-scuola con tuo figlio in entrambe le direzioni e accompagnalo finché non si sentirà abbastanza sicuro ed esperto per andare da solo. Ricordati sempre di osservare tutto dal punto di vista di un bambino, che ha una visione limitata rispetto alla tua, perché ha una seduta più bassa. All'inizio cerca di restare vicino a tuo figlio mentre pedalate, per dargli indicazioni e spiegazioni quando serve. Un'altra cosa importante: non mettere sotto pressione tuo figlio e prenditi abbastanza tempo durante le vostre uscite per fare tutto con calma. 

"I bambini non devono solo imparare a padroneggiare con sicurezza la bicicletta, ma anche elaborare molti stimoli, distinguere la destra dalla sinistra e imparare la strada.  In più, i bambini si distraggono facilmente. Per questo è importante ripetere spesso il giusto comportamento da tenere finché non viene automatizzato", ci fa riflettere l'esperto della federazione degli amici della bicicletta Palfinger: "A seconda dell'età del bambino, ci vorrà un'attenzione diversa da parte dei genitori – i bambini piccoli vanno seguiti passo per passo; intorno ai nove o dieci anni, invece, molti bambini sono già in grado, con un po' di allenamento, di andare a scuola da soli".


5. Allenare la tecnica di guida!

Fate pratica insieme a vostro figlio e allenate il comportamento giusto da tenere in un ambiente o zona sicuri. Per affrontare il traffico è molto importante essere in grado di:

  • frenare con precisione, per fermarsi prontamente di fronte a possibili ostacoli, agli incroci o in presenza di altri rischi sul percorso,
  • girare a destra e a sinistra facendo un chiaro segnale con la mano,
  • comunicare con contatto visivo con gli altri utenti della strada,
  • controllare dietro di sè prima di girare (pericolo di auto in superamento)

dare la precedenza e attraversare gli incroci più difficoltosi – o scendere dalla bici e spingerla!

Per simulare situazioni concrete e il comportamento corretto da tenere nel traffico, puoi proporre a tuo figlio piccoli giochi per allenare la tecnica di guida. E se ti serve ispirazione, qui troverai degli esercizi sotto forma di gioco pensati apposta per voi.

 

6.   Casco e accessori importanti

Per andare in bici vostro figlio ha assolutamente bisogno di un casco della taglia giusta. In molti Paesi c'è l'obbligo del casco fino a 12 anni, in Italia il casco non è obbligatorio, ma è comunque consigliato non farne mai a meno. Scopri qui come scegliere la taglia giusta per il casco di tuo figlio.

I bambini non sono solo più piccoli degli adulti, ma hanno anche una seduta più bassa sulla sella. Inoltre, con l'inizio dell'anno scolastico e il cambio di stagione, le giornate si fanno sempre più scure e a volte nebbiose. Per questo è importante che tuo figlio sia sempre ben visibile sulla bici:

  • quel che serve è un abbigliamento chiaro o riflettente, come ad esempio il nostro gilet FLARE con stampa riflettente, che garantisce una maggiore visibilità.
  • In caso di visibilità limitata o scarsa, sono consigliati, oltre alle luci obbligatorie sulla bicicletta, anche adesivi riflettenti sul casco, sullo zaino o sui vestiti, come i nostri adesivi GLAM, o altri accessori riflettenti di sicurezza. 

Non può inoltre mancare un campanello, obbligatorio in molti Paesi, che aiuterà tuo figlio ad attirare l'attenzione su di sé.

 

7. Trasportare lo zaino in maniera corretta

Se tuo figlio va spesso a scuola in bici, vale la pena procurarsi un cestino per bicicletta o un portapacchi con cinghie elastiche di fissaggio. Lo zaino in spalla mentre si va in bici è un carico in più che potrebbe rendere difficoltosa la pedalata – questo dipende anche molto dalla forza muscolare, dalle capacità motorie e dal senso dell'equilibrio del bambino. Dato che molti  allievi portano comunque lo zaino in spalla quando pedalano, abbiamo raccolto per voi alcuni consigli per trasportarlo in maniera sicura:

  • Esercizio: prima di affrontare il tragitto casa-scuola per la prima volta, tuo figlio dovrebbe allenarsi soprattutto a girare e frenare con lo zaino in spalla.  Assicurati che riesca a girare il manubrio con sicurezza e a mantenere l'equilibrio.
  • Spallacci: tuo figlio dovrebbe portare lo zaino sempre su entrambe le spalle e stringere bene gli spallacci per evitare che si muova sulla schiena, cosa che potrebbe fargli perdere l'equilibrio. L'ideale sarebbe che lo zaino avesse anche spallacci sul petto e sulla pancia, per renderlo ancora più stabile
  • Distribuzione del peso: la disposizione all'interno dello zaino è fondamentale. Gli oggetti pesanti, come i libri, vanno posizionati nella parte dello zaino che è a contatto con la schiena.
  • Peso: chiedetevi, inoltre, se tutti gli oggetti presenti nello zaino sono davvero necessari. Ci sono sicuramente oggetti pesanti, come i portatili e i libri pesanti, che possono essere lasciati a scuola. Scopri di più!

Qui trovi maggiori informazioni sul tema zaino e come trasportarlo.

Importante: controlla bene che non ci siano cinghie penzolanti o altri oggetti che potrebbero restare impigliati nei raggi e che tutti gli accessori di tuo figlio siano ben posizionati sulla bici. Lo stesso vale anche per i capelli lunghi, le sciarpe e le stringhe delle scarpe.

 

8. No assoluti sul percorso casa-scuola

  • Andare a scuola in bici dovrebbe essere divertente, ma ci sono comunque delle regole da rispettare. Ecco i no-go quando si pedala per andare a scuola o, comunque, su strada:
  • Musica alta: anche se non è proibito andare in bici con le cuffie per la musica, bisogna considerare che questo comportamento riduce l'attenzione e la percezione del bambino. Se tuo figlio ascolta la musica a un volume troppo alto per essere cosciente degli altri utenti della strada o dei veicoli di emergenza, mette a rischio la sua incolumità (e quella degli altri) oltre a commettere un'infrazione amministrativa.
  • Uso del cellulare: alla guida di un veicolo o di una bicicletta il cellulare non va mai usato. Il rischio è che tuo figlio si distragga e non abbia la prontezza di reagire in una situazione d'emergenza. Inoltre, l'uso del cellulare in bicicletta è vietato dalla legge e punito con una multa.
  • Parcheggiare senza catena: una bici parcheggiata nel cortile della scuola senza una catena di sicurezza è un invito per i ladri di biciclette. Per questa ragione, tuo figlio dovrebbe sempre proteggere la sua bici con una catena di alta qualità, anche se questo comporta doversi fermare in un negozio per comprarla mentre va a scuola. Se non hai ancora trovato una catena di sicurezza adatta, dai un'occhiata alla nostra catena di sicurezza LOKKI in acciaio temprato e livello di sicurezza 8.
  • Comportamento irresponsabile: anche in bicicletta è necessario rispettare gli altri utenti della strada – è assolutamente vietato stare attaccati o andare addosso ad altri veicoli ed effettuare sorpassi azzardati! 

Pedalare vicini: i bambini hanno sempre qualcosa da raccontarsi, è vero, e il tragitto da casa a scuola o dalla scuola a casa permette spesso di pedalare vicini per chiacchierare. Ma attenzione: ogni Paese ha normative diverse in merito: in Italia i ciclisti possono procedere affiancati se non ostacolano il traffico, ma mai in numero superiore a due e solo nei centri abitati. Al di fuori dei centri abitati, è obbligatorio procedere in fila indiana, tranne per i minori di dieci anni, che possono essere affiancati da un adulto e devono procedere sempre sulla sua destra.