Vita da ciclista

Sicuri su ogni tipo di terreno: affinare, migliorare, imparare

Si aprono nuovi orizzonti. Ormai non si va più solo dritti, ma anche in salita, a tutta velocità in curva e alla scoperta del mondo. I bambini sono in grado di sedere sulla sella senza problemi e scoprono cose sempre nuove. Una marcia sola non basta più: è ora della prima bicicletta con il cambio! Sulle woom bike si impara a cambiare le marce in modo semplice e veloce. Il passo successivo è quello di superare gli ostacoli nella natura e nel traffico.

Perfezionare le proprie abilità . Per fare sport, andare a scuola o per incontrare gli amici il pomeriggio. Con la bicicletta, i bambini sono più autonomi. Lo sapeva già l'inventore tedesco Adam Opel: "Nessun'altra invenzione unisce utilità e piacere così profondamente come la bicicletta." Anche se i bambini hanno già imparato ad andare in bicicletta vale sempre la pena di provare qualcosa di nuovo e di continuare ad esercitare le vecchie abilità.

Cambiare le marce

Cambiare la marce in modo scorrevole mantiene il materiale in buone condizioni e non costa fatica. La cosa migliore è dire al bambino quale marcia deve inserire e lasciare che la cambi da solo facendo meno rumore possibile.

Consiglio:

#1: all'inizio fare insieme i primi tentativi di cambiare la marcia, su una superficie piana. Dire al bambino di smettere di pedalare per un momento, mostragli come girare il comando cambio e poi dirgli di riprendere a pedalare delicatamente. L' idea è quella di fargli capire il principio in modo divertente: andare veloce, inserire una marcia superiore, diminuire la velocità, inserire una marcia inferiore.

Consiglio:

#2: il bambino può esercitarsi a cambiare la marcia silenziosamente su un terreno leggermente in salita. Prima di salire su una collinetta si deve accelerare un po', poi si diminuisce leggermente la pressione sui pedali, si cambia la marcia e poi si riprende a pedalare delicatamente fino a quando la catena non è inserita bene.

Superare gli ostacoli

Prima di affrontare il traffico, i bambini devono essere in grado di superare con padronanza alcuni piccoli ostacoli. Questi possono essere delle radici d'albero nel parco, sentieri accidentati o superfici scivolose: con i nostri consigli e qualche esercizio mirato è possibile superarli senza farsi male.

Consiglio:

#1: per guidare su superfici irregolari i bambini devono assumere la cosiddetta posizione di base, vale a dire con i pedali in posizione orizzontale rispetto al terreno, poi andando a media velocità alzarsi in piedi con le ginocchia leggermente piegate. Con i fianchi centrati sopra il movimento centrale, i gomiti leggermente piegati verso l'esterno e le spalle in direzione del manubrio. Questa è la posizione ideale per assorbire e compensare le irregolarità del terreno.

Consiglio:

#2: per evitare di rimanere intrappolati in ostacoli come i marciapiedi, i bambini devono imparare a "librarsi" sopra l'ostacolo sollevando leggermente la ruota anteriore durante la corsa. Il modo migliore per farlo è spingere forte sui pedali tirando leggermente il manubrio verso l'alto. Spostare delicatamente il peso del corpo all'indietro può anche essere d'aiuto per sollevare leggermente la ruota anteriore.

Consiglio:

#3: anche le superfici umide, foglie e ghiaia possono rappresentare degli ostacoli. Bisogna imparare a guidare la bicicletta su fondo scivoloso a velocità ridotta. I bambini dovrebbero imparare a guidare e frenare restando in una zona definita fino a quando non sono in grado di fermarsi su una linea tracciata sul terreno.

Perfezionare l'equilibrio

Quando si fanno giri più lunghi, alzando leggermente la sella si riesce a pedalare in modo più efficiente. Consigliamo perciò di alzare la sella passo passo fino a quando le ginocchia sono solo leggermente piegate e il bambino riesce a toccare terra soltanto con la punta dei piedi. Prima però è importante che il bambino abbia sviluppato un buon senso dell'equilibrio. Per impararlo abbiamo qualche consiglio:

Consiglio:

#1: i bambini devono essere in grado di sentirsi sicuri e di avere la stessa padronanza del manubrio con una o con due mani, sia per segnalare con la mano la volontà di girare a un incrocio o per scacciare i moscerini dagli occhi. Il miglior modo per esercitarsi a guidare con una mano sola è quella di lasciar scorrere la bicicletta su una superficie piana a media velocità, senza pedalare. Per prima cosa allentare la presa con una mano, lasciare per qualche secondo il manubrio e vedere cosa succede. Allontanare piano piano la mano dal manubrio, sempre di più.

Consiglio:

#2: frenare senza poggiare i piedi a terra. Ci si dovrebbe esercitare su una superficie morbida. Il bambino deve frenare e fermarsi senza poggiare i piedi a terra e poi riprendere subito a guidare. È molto facile e divertente mantenere l'equilibrio se i pedali sono in posizione orizzontale!

Consiglio:

#3: si può esercitare il senso dell'equilibrio in modo divertente con due secchi e delle palline. Posizionare un secchio capovolto a una certa distanza dall'altro secchio. Poggiare una pallina sul primo secchio. I bambini devono ora passare con la loro bici accanto al secchio, prendere la pallina, pedalare fino al secondo secchio e lanciarla dentro.