Manutenzione

Check-up della bici in 6 mosse

Qui ti spieghiamo come prenderti cura della vostra woom bike e quali componenti della bici dovresti controllare regolarmente, per la sicurezza di tuo figlio.

Sarah Schwarz
Sarah Schwarz

Ma prima vogliamo ricordare un aspetto importante in materia di sicurezza: probabilmente tuo figlio non è in grado di riconoscere difetti sulla bici e di segnalarveli per tempo. Per mantenere in buone condizioni la vostra woom bike e per l'incolumità di tuo figlio, devi effettuare periodicamente un controllo di sicurezza della bici e, se necessario, farla controllare in un'officina specializzata. Nelle istruzioni della vostra woom bike trovi gli intervalli di manutenzione raccomandati.

mossa: una bella pulita del telaio

Guidare una bicicletta pulita è ancora più divertente per tuo figlio; inoltre, così ti accorgerai subito se ci sono dei pezzi difettosi o che vanno cambiati. Ma attenzione: non utilizzate l'idropulitrice, perché fa entrare acqua nei cuscinetti. Bastano uno straccio, spugne e un po' di detergente non abrasivo. Se poi volete fare una pulizia più approfondita potete usare un vecchio spazzolino da denti, ad esempio per le pastiglie dei freni. Dopodiché, risciacquate e passate un panno asciutto: la vostra bicicletta tornerà a splendere come nuova. 

Se effettui la pulizia di una bicicletta elettrica, ricordati di estrarre prima la batteria. Anche eventuali display dovrebbero essere staccati dalla bici o coperti. La batteria e l'attacco della batteria possono essere puliti con un panno umido e poi asciugati bene. Controlla anche che i punti di contatto elettronicisiano puliti e splendano. Se non fosse così, puoi pulirli da polvere e sporco con un semplice panno.

mossa: pulire e oliare la catena

L'umidità e/o il sale sparso per strada in inverno possono causare l'arrugginirsi della catena. Ma non è la fine del mondo: puoi rimediare con un olio specifico per catena! 

Consiglio:

Pensa alla catena anche durante l'estate – e se ogni tanto la pulisci e la oli te ne sarà grata. 

Per prima cosa, utilizza un panno asciutto e passalo un paio di volte su tutta la catena per rimuovere grasso e sporco incrostato. Applica un po' di olio in modo uniforme sulla catena e rimuovi il lubrificante in eccesso con uno straccio.

Tra l'altro, grazie al carter Hebie la catena della woom ORIGINAL 2 e woom ORIGINAL 3 è meno esposta allo sporco e agli influssi ambientali. Ogni tanto dovresti comunque controllare se la catena è sporca e/o ha bisogno di olio. Per lubrificare la catena devi rimuovere il componente in plastica posteriore e poi quello anteriore del carter – in questo video ti spieghiamo come si fa. Ora puoi già dare qualche goccia di olio specifico per catena dall'alto – l'ideale è nel tratto inferiore della catena – nella fessura tra la clip del Carter e il pezzo interno.


3ª mossa: stringere le viti e gli sganci rapidi

Anche se la bici sembra in buone condizioni all'esterno, devi controllare almeno una volta al mese se le viti tengono bene e/o se gli sganci rapidi sono stretti a sufficienza. Per viaggiare sicuri in bicicletta, questi sono gli attacchi più importanti da controllare:

1. I singoli componenti dello sterzo (manubrio, attacco manubrio e serie sterzo) devono essere ben fissati gli uni agli altri. 

  • Controlla, prima di tutto, che la o le viti di serraggio che fissano il manubrio al canotto della forcella siano a posto. Se il manubrio si dovesse staccare dal canotto della forcella, non sarebbe più possibile sterzare. 
  • Controlla anche le viti a brugola che fissano il manubrio all'attacco del manubrio e stringile, se necessario, con una coppia di serraggio in modo tale da rendere ben stabile il manubrio.

2. Le ruote devono essere ben fissate al telaio e alla forcella, e vanno centrate. A seconda del modello di bicicletta che hai, dovrai stringere gli sganci rapidi a mano o le viti dell'asse con una chiave a brugola della misura giusta.

Importante: la leva dello sgancio rapido NON dev'essere orientata in avanti, perché altrimenti è più facile che rimangano impigliati rami o cose del genere.

3. Dovresti esaminare bene anche i pedali e, se necessario, stringerli (al più tardi ogni 200 km). La vite a brugola per stringere i pedali si trova sul lato interno della pedivella. Il pedale sinistro si stringe in senso orario e si allenta in senso antiorario. Per il pedale destro è al contrario: si stringe in senso antiorario e si allenta in senso orario. 

4. Verifica inoltre che il collarino reggisella sia ben fissato. A seconda del modello di bicicletta, il collarino reggisella può essere regolato con una vite per collarino reggisella(e una apposita chiave a brugola) o anche a mano con lo sgancio rapido

  • Già che ci sei, ti consigliamo di verificare anche l'altezza della sella e di modificarla in caso tuo figlio sia cresciuto. Ma non esagerare: soprattutto se è molto tempo che non andate in bicicletta, infatti, è meglio regolare la sella in modo che tuo figlio riesca a poggiare bene i piedi a terra. Quando avrà ritrovato la sicurezza sui pedali, poi, potrai provare ad alzare un po' di più la sella.
Consiglio:

Nelle istruzioni per l'uso trovi, oltre a consigli pratici per la manutenzione della bici e per mantenerla in buone condizioni, tutti i valori delle coppie di serraggio con cui stringere i collegamenti a vite della vostra bici. È raccomandabile avere sempre una chiave dinamometrica nella propria cassetta degli attrezzi.

4ª mossa: controllare i freni

Controlla regolarmente i freni della bicicletta.

  • Aziona uno dopo l'altro il freno anteriore e quello posteriore per verificare se si avverte una notevole resistenza sulla leva del freno
  • Dopodiché, osserva se azionando le leve dei freni la ruota anteriore e quella posteriore vengono effettivamente bloccate

I freni non funzionano al 100%? Allora tuo figlio non dovrebbe assolutamente guidare quella bicicletta, e la soluzione migliore è farla controllare da un'officina specializzata. 

Naturalmente, con gli attrezzi giusti e un po' di esperienza puoi risolvere anche da solo alcuni piccoli problemi.

Le nostre biciclette woom ORIGINAL sono dotate di potenti freni a V, la cui forza frenante è adattata alle capacità dei bambini. 

  1. Se le pastiglie dei freni sfregano sul cerchione, è sufficiente girare le due viti di regolazione sui bracci del freno. In questo video troverai le istruzioni passo a passo per riuscirci. 
  2. Come indicatore dell'usura dei pattini dei freni, prendi come riferimento la LINEA DI USURA (vedi immagine). Se sulle pastiglie dei freni non si vedono più le scanalature, è ora di montare delle pastiglie nuove
  3. A volte anche i fili dei freni si usurano e iniziano ad arrugginirsi. In questi casi, un buon rimedio è una spruzzata di spray al teflon (disponibile nei centri bricolage) sulle estremità delle guaine esterne. In questo modo, i fili tornano a scorrere più agevolmente nelle guaine.
  4. Non dimenticare poi di controllare la vite Allen sui bracci del freno e, se necessario, di stringerla. Se le pastiglie dei freni sono già un po' consumate, con la vite di regolazione sulla leva del cambio le puoi avvicinare al copertone: in questo modo, tuo figlio potrà avere di nuovo una frenata ottimale.

I modelli woom OFF, woom OFF AIR, woom UP e woom NOW sono dotati di freni a disco

  • Se le pastiglie dei freni hanno uno spessore inferiore a 0,5 mm, allora sono da cambiare. In questo video ti mostriamo come fare. Sappi, però, che servono un po' di esperienza e delle buone conoscenze della bicicletta per farlo. Per questo, ti consigliamo di far eseguire la manutenzione dei tuoi freni a disco in un'officina specializzata.
  • Se le pastiglie dei freni sfregano sui dischi, è necessario regolare la pinza del freno. Procedi in questo modo: svita le viti della pinza del freno e posizionala in modo tale che il disco si trovi al centro, fra le pastiglie. La distanza fra la pastiglia e il disco dovrebbe essere uguale su entrambi i lati. Una volta fatto, stringi nuovamente le viti delle pinze con una coppia di serraggio di 5 Nm.

Importante: dopo aver lavorato con i freni a disco, fai sempre una prova dei freni prima che tuo figlio usi di nuovo la bicicletta. E soprattutto dopo aver cambiato le pastiglie dei freni, bisogna rodare i freni. Procedi come descritto di seguito:

  1. Accelera con la bicicletta.
  2. Frena fino a fermarti, alternando il freno della ruota anteriore e posteriore ed esercitando una certa pressione.
  3. Dopo un paio di volte, si dovrebbe percepire una forza frenante decisamente maggiore.
  4. Se la forza frenante non aumenta più significa che i freni sono rodati.



5ª mossa: dare aria alle gomme!

OOra dovrai naturalmente controllare la pressione della gomma anteriore e di quella posteriore. Se le ruote si sono sgonfiate, non vuol dire che siano bucate o che la valvola sia difettosa. È normale che, dopo alcune settimane, le gomme perdano pressione. Proprio per questo bisogna controllare la pressione delle gomme con una certa regolarità (almeno una volta al mese).

Consiglio:

Attenzione: la giusta pressione dello pneumatico non è un valore assoluto, bensì dipende dal peso del ciclista e dall'utilizzo che si fa della bicicletta.

Sul fianco della gomma si trova l'intervallo di pressione consentito e la pressione non deve essere superiore o inferiore a tale indicazione. Utilizzando una pompa a colonna con manometro puoi regolare con precisione il valore desiderato. Altrimenti:

  • La regola generale è che per una bassa resistenza al rotolamento la pressione dev'essere alta. Così tuo figlio può scorrere più facilmente ad esempio sulle piste ciclabili asfaltate. 
  • Per percorsi sconnessi, invece, la pressione dev'essere più bassa; la soluzione migliore è un valore leggermente superiore alla pressione minima indicata, che dà a tuo figlio una migliore ammortizzazione.

A proposito delle gomme: verifica regolarmente che gomme e ruote non presentino danni, come crepe, o corpi estranei, e che il battistrada sia abbastanza profondo. 


6ª mossa: regolare il cambio della bici (per esperti)

Se tuo figlio ha una woom bike con il cambio, anche questo è un elemento che dovresti controllare di tanto in tanto. Magari la catena sfrega sul deragliatore o si verificano cambi di marcia involontari.

Di seguito ti spieghiamo come procedere per regolare il cambio in maniera corretta. Per farlo dovresti avere familiarità con la meccanica della bicicletta. Se non sei abituato/a a mettere mano alle vostre biciclette, allora è meglio che tu ti rivolga a un'officina specializzata per far sistemare il cambio da un esperto. 

Sono tre le viti da tenere d'occhio per un cambio regolato a perfezione. Come prima cosa devi controllare i fine corsa del deragliatore:

  • Per verificare il fine corsa inferiore, metti la catena sul pignone più piccolo. Ora, la puleggia di guida dovrebbe essere allineata al pignone più piccolo. Se così non fosse, devi girare la vite H.
  • Per regolare il fine corsa superiore, metti la catena sul pignone più grande. Nel caso in cui la puleggia di guida non sia esattamente sotto al pignone più grande, entra in gioco la vite L.

Ma in che direzione? Girando la vite H in senso orario, la puleggia di guida si sposta verso sinistra, cioè si avvicina alla ruota. Se, invece, la giri in senso antiorario, la puleggia di guida si sposta verso destra, vale a dire si allontana dalla ruota. Per la vite L è esattamente l'opposto.

Con l'aiuto della vite di tensionamento posta sulla leva del cambio – che trovi nel punto in cui il cavo entra nel comando cambio sul manubrio – puoi quindi regolare meglio la tensione del cavo del cambio.

  • Se cambiando marcia la catena non sale sul pignone superiore devi aumentare la tensione di trazione girando la vite in senso antiorario.
  • Nel caso in cui la catena salti uno o più pignoni, devi girare la vite di regolazione in senso orario per ridurre la tensione di trazione. 
Consiglio:

Gira le viti un po' alla volta per una regolazione perfetta. 

Hai seguito tutti i passaggi elencati? Allora siete pronti per partire all'avventura in sella alle vostre biciclette!
Se hai ancora delle domande sulla cura e manutenzione della vostra woom bike, contatta il nostro servizio di assistenza clienti.