Vita da ciclista

In bici con i bimbi nel traffico: la preparazione è fondamentale!

Sarah Schwarz
Sarah Schwarz

Tuo figlio è portato per andare in bici e sfreccia da una parte all'altra del parco giochi e del giardino? Magnifico! Questo è uno dei requisiti fondamentali per muoversi nel traffico cittadino.

La prima pedalata insieme nel traffico è molto emozionante per te e per tuo figlio. Il bambino deve coordinare diverse sequenze di movimenti e utilizzarle al momento giusto. Una buona preparazione è quindi essenziale per garantirvi di viaggiare insieme in tutta sicurezza. Per ottenere altre informazioni utili, consulta la nostra breve guida:

Equipaggiamento: la sicurezza inizia dalla bicicletta e dall'attrezzatura adatte!

  • Assicurati che il sellino sia regolato in modo che il bambino possa raggiungere bene il terreno con i piedi.
  • Fai controllare regolarmente la bicicletta per verificare che tutte le viti siano strette, le gomme siano abbastanza gonfie e i freni e le luci funzionino.
  • Non dimenticare mai il casco! Le lesioni alla testa sono una delle conseguenze più comuni degli incidenti in bicicletta e la prudenza alla guida non è mai troppa.
  • I bambini sono più minuti e sono seduti più in basso quando vanno in bici, perciò è fondamentale che siano quanto più visibili possibile. Oltre a utilizzare le luci previste per la biciletta, è consigliabile far indossare ai bambini indumenti con colori vivaci e fasce catarifrangenti di sicurezza su casco e vestiti. Non può inoltre mancare un campanello che aiuterà tuo figlio ad attirare l'attenzione su di sé.


Regole per muoversi nel traffico
: non è complicato spiegare al bambino la funzione dei segnali stradali più importanti, come i segnali di stop e di svolta a destra, e non dovrebbe risultargli difficile impararli.
Dovresti anche effettuare previamente delle prove del comportamento corretto: in questo modo sarai più sicuro di te e lo saranno anche i tuoi figli. Il modo migliore per farlo è trovare un ambiente quanto più sicuro possibile e simulare situazioni specifiche che si possono presentare in bicicletta, ad esempio:

  • Girare a destra e a sinistra facendo un chiaro segnale con la mano
  • Sapersi comportare agli incroci non regolamentati: frenare in tempo e fermarsi
  • Comunicare con gli altri utenti della strada: controllare dietro di sè, contatto visivo
  • Luoghi pericolosi: schivare gli ostacoli e non passare troppo vicino alle auto parcheggiate


Puoi anche mettere in pratica i comportamenti corretti come se fossero un gioco:

  • Ad esempio, frenare in modo preciso può essere un buon punto di partenza. Marca un punto sul terreno dove il bambino deve fermarsi.
  • Gioca con tuo figlio a urlare in prossimità di ogni incrocio: “Guardo a destra e a sinistra!”
  • Fai esercitare il bimbo a guardare dietro di sè indicando un numero con le dita quando ti sorpassa. Il bambino cercherà di vedere il numero e lo dirà ad alta voce.
  • Fingiti tuo figlio e lascia che sia lui a controllare quando andate in bicicletta. Commetti un errore evidente, il bambino sarà molto felice di fartelo notare.


In generale: ripeti, ripeti, ripeti, ripeti fino a quando il piccolo non ha interiorizzato e reso automatico il giusto comportamento. Come in tanti aspetti della vita, la pratica rende perfetti!
Percorso corretto: scegli in anticipo un percorso adeguato e tieni presente che l'itinerario più breve non è necessariamente il migliore. Una piccola deviazione può rendere il viaggio molto più sicuro e rilassante se in quella strada c'è meno traffico e non è necessario attraversare grandi incroci. In ogni caso, un percorso non troppo lungo o trafficato, come la strada per andare scuola, è un ottimo modo per consentire ai tuoi figli di avvicinarsi alla realtà del traffico cittadino. A proposito, l'esercizio fisico al mattino migliorerà la concentrazione in classe del bambino :)

 

Ordine in famiglia: chi sta davanti?

  • Ovviamente, soprattutto nei primi viaggi, è consigliabile che una coppia di adulti viaggi con il bambino. Il bambino pedala in mezzo e può vedere tutto ciò che fa l'accompagnatore che si trova davanti, mentre, l'adulto che si trova dietro ha sempre una buona visuale sul bambino.
  • Tuttavia, non è sempre possibile viaggiare in coppia con il bambino: nel caso vi sia un solo accompagnatore, in genere, è consigliabile che il bambino viaggi davanti su percorsi conosciuti. Stai sempre il più vicino possibile a tuo figlio, per poterlo tenere d'occhio e dargli indicazioni tempestive, ad esempio quando deve fermarsi davanti a un ostacolo.
  • Su tratti di strada poco conosciuti o molto trafficati è meglio se vai avanti tu e ricorda sempre il tuo ruolo di esempio. In circostanze nuove è importante dare l'esempio ai propri figli, affinché possano imparare il comportamento giusto e imitarlo. Non limitarti a spiegare le regole del traffico ai tuoi figli, ma dagli anche il buon esempio.
    Dai inoltre un'occhiata al codice stradale del tuo paese, in cui potrai consultare tutte le normative di legge in vigore, tra cui l'attrezzatura obbligatoria per la bicicletta e da che età e in quali condizioni tuo figlio può viaggiare da solo per strada.
    Grazie a questi consigli sarai ben preparato per le prime avventure nel traffico con i tuoi figli. Auguriamo a tutta la famiglia buon divertimento durante le prove e di viaggiare in completa sicurezza!