Mountain-bike

Come far innamorare i vostri figli della mountain bike

Sarah Schwarz
Sarah Schwarz

Divertimento + avventura = mountain bike. Su questa equazione non ci piove! Soprattutto quando siete in giro con vostro figlio, sono questi gli ingredienti giusti per un buon (primo) giro in mountain bike.

Quando i bambini si divertono a fare una cosa, la fanno volentieri – e scoprire il mondo in sella alla loro bici dovrebbe senza dubbio essere un'attività divertente! Con questi consigli, anche il vostro bambino diventerà un appassionato di mountain bike:

Bici ed equipaggiamento adeguati

  • Dimensioni: né troppo grande, né troppo piccola – ma della misura giusta
  • Peso: più leggera è, meglio è
  • Geometria: il telaio dovrebbe consentire di salire e scendere senza problemi. Un baricentro basso e una maggiore distanza tra le ruote sono una garanzia di stabilità.
  • Componenti: un sellino adatto all'anatomia del bambino, un cambio facile da usare, freni ben raggiungibili con una frenata buona come quella garantita dai freni a disco. Per i vostri figli potete rinunciare ai pedali a sgancio rapido
  • Gomme: ruote larghe con battistrada scolpito garantiscono sicurezza nelle salite e il massimo del comfort nei tour lunghi e nelle discese

In questo articolo trovate maggiori informazioni su come trovare la mountain bike adatta.

Ma vostro figlio dovrebbe essere ben equipaggiato anche in fatto di accessori per essere protetto dal sole, dal vento e dalla pioggia. Oltre all'equipaggiamento di base come un casco della taglia giusta, scarpe antiscivolo e abbigliamento traspirante, una protezione decisiva è offerta anche dagli occhiali e dai guanti da ciclismo. Qui trovate una lista con tutta l'attrezzatura che vi serve.

Il percorso giusto

L'obiettivo non è la vetta, ma pedalare! Per i bambini una gita in mountain bike non è una sessione di fitness ma è gioco, divertimento e avventura. I bambini sono curiosi e hanno tanta voglia di scoprire cose nuove. Cercate di coinvolgere vostro figlio già dalla scelta del percorso e fategli vedere sulla cartina l'obiettivo e quello che lo aspetta sul sentiero: in questo modo sarà ancora più contento all'idea della gita in MTB e si potrà fare un'idea della strada che percorrerete insieme.

Resistenza e lunghezza del percorso: quando scegliete il percorso dovreste prendere come punto di riferimento il vostro figlio più giovane o meno esperto. Per prima cosa il percorso non dev'essere troppo ripido, difficile o lungo, altrimenti la gita diventa ben presto una tortura per voi e per vostro figlio. Organizzate un percorso adatto alle capacità e alla condizione fisica di vostro figlio – voi sapete valutare al meglio cosa è in grado di fare e cosa sarebbe troppo difficile per lui. Naturalmente, anche la forma fisica nel giorno del tour è un fattore decisivo. Nel dubbio, comunque, dovreste iniziare con un tour breve a cui potete aggiungere un tratto extra alla fine se il vostro bambino ha ancora voglia di pedalare. Provate sentieri man mano più lunghi e trail emozionanti.

Ad ogni modo, soprattutto quando fate le prime gite è una buona idea controllare se il tracciato è facile da raggiungere con un treno che permette il trasporto delle bici. Così, se vostro figlio è improvvisamente stanco o se vi sorprende un temporale potete interrompere senza problemi la vostra gita e tornare a casa in treno.

Avventura: le luuunghe strade forestali possono presto annoiare. Quando scegliete un percorso, è molto importante che sia vario e coinvolgente: lungo un ruscello, in riva a un lago o su sentieri di montagna il tour non perde mai d'interesse. Vostro figlio infatti potrà andare alla scoperta della natura o semplicemente immergersi nella sua fantasia, dove il bosco si trasforma in una giungla avventurosa e la mountain bike in un cavallo su cui galoppare per valli e per monti.

Se volete regalare a vostro figlio un'esperienza in mountain bike tutta all'insegna dell'avventura potete scegliere un bikepark. La maggior parte dei parchi ha il sentiero adatto a ogni livello. I pump track, ad esempio, sono molto divertenti per chi è alle prime armi e vuole migliorare la sua tecnica di guida.  Nei bikepark, poi, scorrazzano altri bambini e veri e propri professionisti che possono dare qualche dritta a vostro figlio. Anche i trail sono un buon modo per entusiasmare il vostro bambino. L'ideale per i principianti sono i flow trail: è come andare sulle montagne russe in mezzo al bosco.

Obiettivo e tappe intermedie: scegliete un obiettivo ambizioso e vostro figlio sarà più motivato. Un buon modo per tenere alto l'umore di vostro figlio sui percorsi più lunghi è stabilire tappe intermedie e definire i rispettivi premi. La prospettiva di un tuffo nel lago, un gelato o un parco giochi avventura può aiutare vostro figlio a trovare energie inaspettate per superare in scioltezza i brevi momenti di fiacca.

Pause flessibili

A seconda della lunghezza del tour e della condizione fisica di giornata è bene prevedere pause a intervalli regolari. Il luogo ideale può essere ad esempio la riva di un torrente o di un lago, dove vostro figlio può muoversi un po' senza dover pedalare o semplicemente stare con i piedi a mollo nell'acqua. Dopo un picnic leggero, vostro figlio torna in sella rinforzato e motivato.
Controllate sempre che vostro figlio assuma abbastanza liquidi. I bambini sono infatti più sensibili degli adulti e spesso, quando sono in movimento, si dimenticano di bere. Soprattutto quando si fa sport e se fa caldo, però, bere è molto importante per mantenere una condizione fisica ottimale. Una buona idea per ricaricare velocemente le batterie sono verdure in stick, barrette ai cereali o un panino imbottito.
Fate abbastanza pause anche durante i trail, anche solo per scuotere un po' le mani o per rimettere a posto gli occhiali che scivolano.

Giocare

Nella vostra gita potete anche inserire dei piccoli giochi, per cambiare un po' e per distendervi. In natura trovate tanti piccoli oggetti con cui organizzare giochi di abilità: con le pigne, ad esempio, potete costruire dei piccoli percorsi per slalom o definire una linea di stop per una gara a chi frena con più precisione.

Chiamate a raccolta amici e parenti

Insieme al cugino della stessa età o con la migliore amica, il tour in mountain bike è molto più divertente! I bambini imparano l'uno dall'altro, si motivano e si danno sostegno – e quello che è più importante, si stancano meno facilmente. I bambini, poi, vivono insieme grandi e piccole avventure che li uniscono.

Complimenti sinceri

Non siate avari di complimenti e motivate vostro figlio con parole incoraggianti. In questo modo aumentate la loro autostima e lo rendete fiero di sé stesso. Saltare una radice con la mountain bike, ad esempio, può essere un grande successo per il vostro bambino.

Con questi consigli siete pronti ad affrontare al meglio le avventure in mountain bike, e magari presto condividerete con i vostri figli l'hobby più bello del mondo.